Navaratri 2016

navaratri

Navaratri nella tradizione del Sanathana Dharma è il periodo più propizio ed eccezionale per le pratiche devozionali rivolte alla Shakti (la sublime, grandiosa ed assoluta energia creatrice), aspetto del Divino concettualizzato come Madre/Divinità Durga, la cui venerazione risale alla preistoria, ancor prima del sorgere dell’Età dei Veda.

Nell’Ashram di Varishtapuri, Kerala, India, l’Upasana (periodo di pratica spirituale intensa) di Navaratri quest’anno comincia il 2 ottobre e si conclude l’11 ottobre. Si terranno preghiere speciali, Devi puja, Chandika Homa, recitazioni e Upasana della Gayatri, ed altri rituali, affinché si riversino sull’umanità le Benedizioni della Madre Divina per l’instaurarsi del Dharma sulla terra.

L’ultimo giorno di Navaratri è denominato Vijayadasami. E’ il giorno più propizio dell’anno per intraprendere qualsiasi cosa nuova. Dopo aver osservato speciali austerità e puja per 9 giorni in onore della Madre Divina, il 10mo giorno possiamo cominciare una nuova vita con la sua benedizione.

In questo giorno propizio, anche noto come Dasera, è ormai tradizione che nell’ashram di Varishtapuri, a partire dalle 5.30 di mattina, si celebri il Vidyapradayani Yajna, con la partecipazione di un grande numero di studenti dai 7 ai 23 anni. Lo scopo dello yajna è implorare la Madre Divina affinché conceda la grazia della Vera Conoscenza rappresentata nella tradizione dalla Divinità Saraswathi.